Pop-diagnosi : Mia Martini e “Gli uomini non cambiano”

  • 0

Pop-diagnosi : Mia Martini e “Gli uomini non cambiano”

 

Attraverso questa canzone, pubblicata nel 1992, portata al Festival di Sanremo di quell’anno e inclusa nell’album “Lacrime”, la celebre Mia Martini ci permette di introdurre due concetti tradizionali ma dal costante riverbero nella contemporaneità, specialmente per quanto riguarda la scelta del partner e le sue caratteristiche.

“Leggi…”


  • 0

Pop-diagnosi : Gigi D’Alessio e “Il cammino dell’età”

 

Questa canzone del celebre cantautore partenopeo è stata pubblicata nel 2001 e fa parte dell’omonimo album, contraddistinta da una melodia che veicola magistralmente alcune tematiche tardo-puberali/adolescenziali, avvicinandoci come spettatori all’avvincente cammino evolutivo di una giovane ragazza e del suo partner.

“Leggi…”

  • 0

Fraintendimenti e incomprensioni : i miti da sfatare – parte seconda

 

  • “Una volta che avrò perso X chilogrammi di peso sarò finalmente felice..”

 

La perdita del peso – attraverso diete, allenamenti, prodotti coadiuvanti, interventi chirurgici – costituisce una tematica molto consistente all’interno della dimensione del benessere e dell’accettazione sociale. La pinguedine non è più vista come nei tempi in cui le risorse alimentari erano scarse e infrequenti, ossia come un segno di prestigio e ricchezza, bensì come uno stigma sempre evidente che testimonia la mancanza di volontà per la cura del proprio corpo, e che spesso si associa alla percezione di poca disciplina, di consumo indiscriminato di cibo ricco in calorie ma poco nutriente (il cosiddetto junk food, il cibo-spazzatura), di povertà socioeconomica (le classi sociali più svantaggiate sono anche quelle più frequentemente costituite da persone corpulente od obese, sebbene questo sia più evidente negli Stati Uniti e in Inghilterra per via delle differenti tradizioni alimentari), di marginalità sociale e di malattia (nel senso di patologia fisica già presente o incipiente).

“Leggi…”


  • 0

Fraintendimenti e incomprensioni : i miti da sfatare – parte prima

 

Veniamo spesso a contatto con notizie, informazioni, teorie e punti di vista contraddittori su alcune tematiche inerenti alla psicologia e al mondo interno : vediamo di fare luce su alcuni miti che persistono nel tempo, nonostante la loro inesattezza.

  • “Utilizziamo soltanto il 10% del nostro cervello, e la tecnica/programma/training XYZ permette di sfruttarlo appieno, con enormi vantaggi..”

“Leggi…”


TAG

affabilità  aggressione passiva  aggressività  Alice Sebold  allenamento  ambizioni  ansia antidepressivi arricchimento arroganza  aspettative  assunzioni pubbliche auto-aiuto  autoreferenzialità  autori  autostima  benessere  cancro  causazione  chirurgia chirurgia bariatrica chirurgia estetica citazioni  come scegliere complicanze condizione economica  correlazione  corso coscienziosità  cosmetica Dale Carnegie  denaro  depressione stagionale depressione  dieta  disagio  disturbo  elettivo ereditarietà esprimere  estroversione  età adulta  età infantile  felicità  fitness  formatore formazione frustrazione  gioia  glia  insonnia intelligenza  intervista semistrutturata intervista strutturata investimento economico ipomania irritabilità libera professione lotteria  luce naturale malattia cardiovascolare  management psicologico mania  melatonina mercato del lavoro metodologia  mito del 10%  neuroni  nevroticismo  obesità  percezione corporea  percezione  personalità di tipo A  personalità di tipo B  personalità di tipo C  personalità di tipo D  personalità  peso  post-operatorio potenziamento cognitivo  predisposizione  professione  propensione  psicanalisi  psicologia  psicologo psicologo. psicoterapeuta psicoterapeuta psicoterapia  qualitativo quantitativo rabbia  reprimere  reverse seasonal affective disorder RSAD SAD schizofrenia sconfitta sconfitta agentività  screening seasonal affective disorder self-help  seminario set-point theory  società  sofferenza  sonno staff infermieristico summertime sadness tirocinio training  tratti  università valutazione   vittoria  William James  winter blues workshop